SCOPRI

La telemedicina al servizio dell'endocrinologia
Welendo il portale che favorisce l'assistenza a distanza

TIROIDE: CHE COS’È, A CHE COSA SERVE

La tiroide è una piccola ghiandola endocrina situata nella parte anteriore del collo, intorno al primo tratto della trachea, poco sotto il pomo d’Adamo. È costituita da due lobi, uno a destra e uno a sinistra, collegati da un istmo, che le conferiscono una forma a farfalla.

La sua funzione principale è produrre gli ormoni tiroidei: la tiroxina (T4) e la triiodiotironina (T3). La T3 è la forma attiva dell’ormone, responsabile delle azioni biologiche nell’organismo e costituisce il 20% degli ormoni totali prodotti dalla tiroide. L’altro 80% è costituito dalla T4, che può essere prontamente trasformata in T3, quando necessario.

Gli ormoni tiroidei sono essenziali per la regolazione di numerose funzioni dell’organismo, a partire dallo sviluppo del sistema nervoso centrale e l’accrescimento fin dalla vita fetale e nell’infanzia-adolescenza alla velocità delle reazioni metaboliche e il battito cardiaco durante tutta la vita.

La produzione di T4 e T3 è strettamente controllata da un altro ormone, il TSH (Thyroid Stimulating Hormone, ormone tireotropo), prodotto dall’ipofisi (piccola ghiandola, presente al centro del cervello, dietro il naso). Quando i livelli di ormoni tiroidei nel sangue si abbassano, l’ipofisi libera più TSH per stimolare la tiroide a produrre maggiori quantità di T4 e T3. Viceversa, quando i livelli di ormoni tiroidei nel sangue aumentano, l’ipofisi riduce la produzione di TSH e l’attività della tiroide diminuisce.

Per produrre ormoni tiroidei è indispensabile che l’organismo disponga di un adeguato rifornimento quotidiano di iodio, un elemento che può essere assunto attraverso la dieta (alimenti che contengono naturalmente iodio o fortificati, sale iodato) o altre fonti. Se questo approvvigionamento è carente, la tiroide non può funzionare correttamente e si sviluppano i cosiddetti disordini da carenza iodica, tra cui l’ipertiroidismo, l’ipotiroidismo, il gozzo e i noduli tiroidei.

Un ulteriore ormone prodotto dalla tiroide è la calcitonina, che contribuisce al mantenimento della massa ossea, favorendo la fissazione del calcio nelle ossa.

In condizioni normali, la tiroide non è visibile dall’esterno e può essere percepita soltanto con la palpazione del collo. Quando compaiono gonfiori superficiali, significa che la tiroide si è ingrossata a causa di una patologia e deve essere sottoposta alla valutazione medica.

Principali funzioni della tiroide

  • Corretto sviluppo del sistema nervoso
    durante la vita embrionale e neonatale
  • Adeguato accrescimento corporeo nell’infanzia-adolescenza
  • Regolazione del metabolismo di grassi, zuccheri e proteine
  • Modulazione della frequenza del battito cardiaco
  • Regolazione della temperatura corporea
  • Sviluppo della muscolatura
  • Influenza sulla fertilità femminile e la gravidanza

Scopri ora quali sono le patologie tiroidee più diffuse

Prosegui la lettura